Incontri di VTC: stage nazionale di Torino – 16-17 febbraio

Torino, stage VTC 2018

evviva si parte!

venerdì 16 febbraio ore 15,00 partenza per lo stage di Torino.

Appuntamento a Padova ovest, siamo in sei, abbiamo organizzato 2 auto.

stage di Torino 2019: le date

è freddo ma c’è il sole, le previsioni sono buone per il fine settimana, i 400 km diventerebbero tanti se dovesse piovere o nevicare.

Lo stage si svolge a Orbassano nell’hinterland torinese, sede di una delle prime fabbriche della Fiat, oggi in parte chiuse.

Questo anno ci propongono un albergo diverso, il numero di partecipanti è aumentato e la locanda in collina che ci accoglieva gli anni scorsi non è più sufficiente, siamo un po’ dispiaciute, lì in collina si stava bene, un locale silenzioso e un ottimo ristorante ci aveva allietato i soggiorni degli anni passati.

L’albergo nuovo, più modesto, è altrettanto accogliente, vi è un ampio parcheggio e  le camere sono spaziose, all’ingresso ci aspettano sorridenti le nostre anfitrione: la maestra Eliana e la sua allieva Elisabetta.  “grazie per essere venute” sono le loro prime parole e sono quelle che si sentiranno ripetere per tutto lo stage. Sembra che si sentano in colpa per essere così lontane, ma noi andiamo una volta all anno a Torino, loro quante volte vengono da noi, siamo noi che dobbiamo essere grate a loro.

L’albergo è un b&b, per la cena ci spostiamo in un locale li vicino, e la serata ci sorprende, hanno organizzato un giro pizza: pizze vengono servite finché non ci vedono sazi, verso le 11ci ritiriamo domani mattina iniziano gli allenamenti.

la calda accoglienza dei torinesi continua, alla mattina troviamo Elisabetta e altri allievi che con la loro auto ci guidano alla palestra che dista una decina di minuti dall’albergo. Trovo un passaggio e lascio la macchina in parcheggio, il bello del gruppo è stare insieme.

In palestra ci stanno aspettando, in totale saremo un sessantina. Questo stage per la lontananza e per il clima invernale è il più piccolo come n. di partecipanti, ma questo è anche uno dei suoi punti di forza.

Agli stage le cose più importante sono poter osservare i movimenti del Maestro Bao Lan e ascoltare le sue parole, sono momenti di crescita per tutti gli allievi, ma quando siamo in tanti non è così semplice e spesso le nostre energie si perdono nella tensione di intercettare una tecnica uno sguardo, a Torino no, qui è più facile seguire il Maestro, si apprende più velocemente e si torna a casa soddisfatti.

Il programma tecnico comprende sia il ripasso e l approfondimento del programma federale sia l introduzione a una nuova forma che il M. Bao Lan dona come ad ogni stage, ai suoi allievi.

La generosità del gruppo di Eliana continua a pranzo. Un buffet preparato all’ingresso della palestra ci attende. Panini, focacce, pizzette, insalate, torte salate, frittate e un tavolo di biscottini e dolci ci attendono per il pranzo.

Qui un Grazie speciale a tutti quelli che all alba si sono alzati per prendere il pane fresco per noi, a chi il giorno prima ha cucinato, a chi ha organizzato: ci fanno sentire a casa, diventiamo una grande squadra.

Alle 17,30 gli allenamenti terminano, prima di cena, c’è il tempo per un riposino, la serata è importante questa anno si festeggiano i 25 anni del Viet Tai Chi Italia, festeggiamenti aperti allo stage di Trento e che avranno il momento clou allo stage di Pesaro.

Al ristorante i tavoli raddoppiano stasera insieme a noi c’è tutto il gruppo di Torino, ci mischiano e tra una portata e l altra ci facciamo dare qualche ricetta delle portate del pranzo. Tutti insieme partecipiamo a un gioco e per i primi arrivati ci sono dei simpatici premi; ma il momento solenne arriva con la torta, l’effige di un drago e i nomi dei maestri la abbelliscono, siamo tutti con il cellulare in mano a fotografarla.

La mattina un po’ assonnati ci ritroviamo in palestra, per fortuna l’allenamento della domenica è più dolce, si ripetono le cose imparate il giorno prima, per memorizzarle.

Mezzogiorno arriva veloce e cominciano i saluti.

Si riparte stanchi, ma soddisfatti, “grazie di essere venuti” ci salutano. Ci vedremo a Padova per chi frequenta il corso istruttori, con gli altri ci vedremo a Pesaro allo stage internazionale.

Grazie a Voi amici di Torino per la vostra disponibilità, per le vostre attenzioni, che ci fanno pensare che Torino non è poi cosi lontana.  (Marina Lazzaro)

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

I commenti sono chiusi